Cooking Cup 2011, Venezia

27.06.2011

Dev'essere durata ben a lungo la raffica di vento, un vento costante viene da scrivere quella che ha permesso all'imbarcazione Raffica, dello Yachting Club di Lignano, di aggiudicarsi l'edizione numero 11 della S.Pellegrino Cooking Cup, come le precedenti regata disputata nella Laguna di Venezia con 28 equipaggi al via.
Prova due volte contro il tempo, una prima volta a livello di competizione velica e una seconda come confronto tra cuochi saliti a bordo per confezionare i più buoni manicaretti possibili in condizioni di chiaro disagio perché skipper e velisti non badano certo alle carinerie che fanno perdere tempo. Deve essere il cuoco ad adattarsi ai disagi della regata, con tante sorprese al momento di assaggiare e giudicare i piatti. 

Il Raffica contava a bordo sullo chef Enrico Pianegonda del ristorante La Cortedi Cornedo Vicentino bravo a preparare ottimo Maccheroncini marchigiani al punto da convincere una giuria di primissimo ordine, formata da 11 stelle: dall'Austria Karl Obauer del ristorante Obauer (due stelle Michelin); dalla Francia Inaki Aizpitarte di Chateaubriand (nono nella S.Pellegrino 50 Best); da Hong Kong Chris Keung di Bo Innovation (vincitore del Young Chef of the Year 2010); dall'Italia Massimo Bottura (quarto nel S.Pellegrino 50 Best e 2 stelle); Carlo Cracco (33° e 2 Michelin) e Andrea Sinigaglia di Alma; dalla Russia Andrey Makov del Caffè Pushkin (93°); dal Sud Africa David Higgs di Rust en Vrede (61°); dalla Spagna Elena Arzak del ristorante Arzak (8° e 3 Stelle); infine dalla Svizzera Martin Dalsass del Sant'Abbondio (1 Stella).